Adriana Bolchini

Presentazione critica a cura di Antonino De Bono

 

Chi ha la fortuna di conoscere Adriana Bolchini rimane conquistato dalla sua sincerità, dal suo eloquio franco ed aperto, dall'incanto delle parole che ti penetrano nell'animo.

E' un personaggio che s'impone subito al pubblico per la sua spiccata personalità: parapsicologa, scrittrice, poetessa.  Dinamica, irruente, polemica, incisiva e di pronto  linguaggio; sa tener testa a dibattiti, interviste, sfoghi al limite della contestazione.  E' stata più volte in televisione e ha il dono di far leva sulle sue argomentazioni, su di una stringente logica, è forbita e non le manca la padronanza del linguaggio.

I suoi versi conoscono l'urgenza del dramma umano, psicologico e sociale.  Si aprono a intimi colloqui, sofferenze, meditazioni, riflessioni filosofiche.  Sa essere la protagonista di ogni situazione, imprimendo alla sua lirica un vorticismo drammatico e sublime che s'alza e coinvolge problemi annosi.

C'è nella sua poesia l'arsura della conoscenza; il significato mistico dell'iniziato; il riflesso di vite passate, imbevute di antica saggezza orientale.

Adriana Bolchini

in un momento della sua partecipazione al gioco

"La ruota della fortuna"

in cui si è affermata come campione.

La frangetta che chiude la sua fronte mette allo scoperto due occhi che ridono e ti danno sicurezza.

La sua poesia che gioca sulla quantità delle sillabe, e sul trasporto del verso elegiaco, è la sua immagine vivente.  E' corrosiva, ti penetra nelle ossa, dà slancio ed effusioni canore, ti coinvolge e ti annienta.  C'è sempre una domanda, un canto sommesso che si svolge fra le quinte, perché Adriana ha molto sofferto, s'è fatta da sola e sa trasformare le idee in immagini, le emozioni in versi, gli stati d'animo in sottili e preziosi strali che penetrano nella psiche e ti coinvolgono.

C'è quasi un trasporto ipnotico che ti conquista nella voce che incanta, nel respiro e nelle pause, nei vocaboli che si rincorrono e che ripetono istanti rapìti dell'estasi per materializzarsi in un bosco di sogni ad occhi aperti.

Adriana Bolchini celebra gli affetti familiari, i momenti irripetibili d'amore cosmico e spirituale con lirico trasporto, per esternare in versi liberi - con naturalezza e levità - le espressioni più care al suo animo, le vicende più alte, scrive poesie per l'eternità.

 

dr.Antonino de Bono

critico ed editore d'arte

 

Indice autrice 

 Home Page

Copyright © 2002-2003  www.webdesigns.it All Rights Reserved

Limmagine è una realizzazione di Dorian Cleavenger

Java script Smoke Ring è una creazione di  http://www.btinternet.com/~kurt.grigg/javascript/