Il  Lupo

 

Lupo selvaggio, lupo barbaro, lupo diabolico, lupo feroce, lupo eretico, queste visioni si dissolvono in ombre confuse e in istanti di profondo silenzio…

Gli animali hanno sempre stimolato l’immaginazione dell’uomo.

Il lupo (lupus) può essere considerato, sotto tale aspetto, un animale di primo piano in quasi tutte le parti del mondo.

Ne sono prova le numerosissime leggende legate al lupo, racconti presenti nelle tradizioni magico-mitologiche di ogni civiltà o nell’immaginario di molti popoli, dal quale sono stati tratte credenze specifiche che hanno avuto come oggetto questo inquietante animale.

Generalmente, il lupo è stato simbolo di forza e di crudeltà, spesso di significato sfavorevole, in considerazione della sua ostentata aggressività verso l’uomo e le sue cose.

Tuttavia il lupo soltanto se affamato o ferito potrebbe aggredire l’uomo, com’è stato riscontrato da ricerche scientifiche, in casi peraltro estremamente sporadici, nel contesto secolare d’osservazione dell’animale.

Di solito, invece, il lupo ha procurato e procura danni all’allevamento del bestiame e, per tale motivo gli è stata attribuita una fama piuttosto negativa.

Ma al di là di tutto ciò, il lupo ha rispettato e rispetta, l’essenza d’ogni animale che coincide con il naturale istinto di sfamare sé e la sua prole, con la natura di predatore astuto e spietato.

Un tempo il lupo era assai diffuso in tutta l’Europa. Attualmente l’animale abita solo in alcune regioni, particolarmente in certe zone dei Monti Pirenei e della Francia Meridionale, nelle foreste dei territori dell’Est e nei Balcani.

In Italia, invece, è presente lungo la dorsale appenninica centrale, con massima concentrazione nell’Abruzzo, nel Molise, nell’Umbria e nelle Marche.

Noto è l’aspetto del lupo. La sua lunghezza complessiva è di 130-180 cm, l’altezza al garrese spesso supera gli 80. Il peso è di circa 40 Kg. in animali in forma e ben nutriti. Gli occhi hanno un taglio oblungo, sono di colore giallo-dorato e conferiscono all’animale un che di misterioso e di inquietante.

Le orecchie sono ritte e corte, il collo è possente con spalle robuste e provviste di una sorta di criniera, erettile in occasione d’eccitazione o d’attacco.

Il colore del pelame è di solito grigiastro, particolarmente scuro alla sommità del capo, sul dorso e sulla superficie esterna delle orecchie.

Non mancano, tuttavia, esemplari di colore nero o completamente bianco (lupus albinus).

  
Vai a pagina 2


© Brisa Diseños. Copyright, Marzo 2003