Campo 58 di Ione Vernazza

volume della collana Essere Donna

Editore Gruppo Edicom

 

Attorno alla costruzione di una casa in un terreno dove c'era il granoturco gallerie di figure ordinarie o singolari esercitano al senso della vita.

 

PRESENTAZIONE

La stesura delle pagine di questo libro, in parte auto­biografiche e molto più spesso romanzate, mi ha tenuto compagnia per poco meno di due anni: sono state scritte rubando il tempo alle mille incombenze della vita quoti­diana, ma sono rimaste sempre aderenti all'esigenza di un'indagine non ancora risolta, anzi forse appena inizia­ta. L'intreccio delle storie raccontate mi è servito da ispi­razione e da supporto per esprimere emozioni altrimenti destinate a rimanere ancora latenti e vanamente confuse, come spesso succede nella gara alla sopravvivenza cui tutti siamo iscritti obbligatoriamente a partecipare fin dalla nascita.

La vita però è ben altra cosa, e vanifica impietosa­mente ogni gara priva di significato, trascinata nel mec­canico succedersi di giornate comunque troppo prezio­se per finire perdute nel nulla; non mi sembra presuntuo­so voler partecipare, nel mio piccolo, a tracciare qual­che segno sul ponte immaginario ed essenziale dell'umana comunicazione. Qualche volta mi sono avvalsa di parole o frasi in dialetto, quasi mai con la legenda in italiano, senza conoscerne l'esatta veste grafica, attratta dalla loro musicalità o dai ricordi che affioravano nelle memorie del mio passato prossimo e remoto.

Di me stessa posso dire che sono nata in Emilia, sono cresciuta e diventata più che grandicella, vivendo una vita nella norma, ho studiato, mi sono laureata, ho svolto atti­vità in settori diversi, ho collaborato a formare una fami­glia, mi sono lungamente interessata a discipline etero­genee, ed ho scritto e pubblicato molti racconti; questo è il mio primo, e spero non ultimo, lavoro di un certo respiro, un modesto ponte di liane, strumento primitivo ma sempre utile per superare normali burroni di limitate foreste.

 

 

logo webdesigns

 Copyright © 2000-2003 W&B GraphicsAll Rights Reserved.

si ringrazia il sito http://www.liberliber.it per la disponibilità a fornire i volumi