Storia del Girumin

Saggezza antica di arcano sapere

 

 

La storia del personaggio raccontato in tutti questi proverbi, nasce da una situazione fra il paranormale e l'immaginario collettivo. 

 

Nella zona di Como, negli anni che precedono di poco il 1943 e prosegue fino al1945, viveva una medium, Carmela Stoccoro, con fenomeni parlanti e di scrittura medianica. 

 

Per verificarne l'autenticità, si era interessato di lei,  il prof. Cazzamalli, medico e fisico,  noto anche come  parapsicologo, che l'aveva studiata in moltissime circostanze.   Il prof. Cazzamalli l'aveva ritenuta degna di fede e l'aveva descritta portandola ad esempio nei suoi testi.  Carmela mantovana di nascita, si riuniva assieme al marito e ad altri appassionati studiosi, nella propria abitazione, riuscendo ad ottenere attraverso la medianità una serie di bollettini o anticipazione sugli eventi di guerra.

 

Il caso vuole che il tramite fra l realtà fisica e quella medianica fosse un certo GERUMIN, che si presentava attraverso la voce di Carmela, durante le sedute, dicendo:   " Girumin sun chi. "

 

Ya Torno, durante una gita  a Bergamo, fatta con i signori Stoccoro, nella quale erano andati a trovare il professor Ravelli,  studioso assistente del professor Todeschini, un fisico allora molto importante, si sono fermati, per acquistare un vaso di terracotta.

 

 In quel luogo Carmela aveva notato una statuetta di cemento che rappresentava esattamente il Girumin , come appariva a lei ed infatti l'acquistò.

 

Voi potrete vedere la rappresentazione di questo stranissimo personaggio, Girumin, come l'ha disegnato Ya, tenendo presente le indicazioni date allora dalla medium Carmela Stoccoro, proprio così:

 

un ometto piccolo un po' strambo, non particolarmente un contadino,  ma, una di quelle figure quasi da favola, che si incontravano una volta nei paesi, che  avevano in se quel sapere e quella saggezza racchiusa  nel tempo.