Cuore di falco

 

Implume ti rivedo sul mio seno

il pianto tuo che s'acquetava piano

ricordo che afferrasti la mia mano

e il viso tuo si fece più sereno

 

Risento le primissime parole

un miele ancor racchiuso dentro al favo

che non capivo e l’animo era schiavo

così com’è la terra unita al sole.

 

Rivedo quei tuoi primi passi incerti

aprir tentando le tue ali al volo

avevi un po' paura a stare solo

ma ti spronai a star nei cieli aperti.

 

Infine quando poi lasciasti il nido

completamente sordo al mio richiamo

volar volevi sul lontano ramo

ma pronto ancor non eri al volo infido.

 

Ricorda figlio per volare in alto

non basta l’ali posseder di falco

occorre nel suo cuore averne il calco

e pronto tu sarai a fare il salto


HOME