Tutto tace

 

E' notte fonda... tutto intorno tace

trattieni nel silenzio il tuo sospiro

vorresti non sentire quel respiro

di chi nel buio tolto t'ha la pace.

 

Non giochi con le bambole da tanto

ma l'innocente cuore tuo le sogna

hai tu dieci anni e giā provi vergogna 

e come bambolina celi il pianto.

 

Appari come rosa giā sfiorita

mentre il tuo corpo ancor non č sbocciato

tra i rovi del peccato soffocato

le spine la tua carne han giā ferita.

 

E mentre la sua mano t'accarezza

sfilando piano il rosa pigiamino

assorbe amare lacrime il cuscino

svanite insieme alla tua giovinezza.

 

Infine il grido muto si fa audace 

"Perchč papā... mi fai sempre del male

eppure son la figlia tua carnale"

ma poi nel buio quella voce tace.

 

A notte fonda avanza la paura

di quella figlia usata come amante

d'orrore l'ha marchiata in un istante

chi invece ne doveva avere cura.


HOME