Vento divino

 

Immerso tra le nuvole leggere

Ascolto il canto dell’amico vento

Carezza che mi dona turbamento

E dalla quale non mi so astenere.

 

Di donna mia ancor rivedo il volto

E sulle labbra ho impresso il suo sapore

Teneva in braccio il frutto dell’amore

Ricordo che con me verrà sepolto.

 

Nascosto dalle nubi sorvolo

L’oceano con molta padronanza

La corazzata scorgo in lontananza

Con il coraggio mi ritrovo solo.

 

E mi domando cosa venga prima

Se l’aviatore audace, il padre o l’uomo

E chi dei tre dovrei tenere domo

Pensiero dubbio è meglio ch’io reprima.

 

Or prenderò la via del non ritorno

E giù in picchiata senza più esitare

Non ci sarà più tempo per pensare

Che nel vento divino mi trasformo.

 

Se chiudo gli occhi so che sentirei

Il gusto amaro della repulsione

Ma sono pronto a compier la missione

Sansone muoia… e tutti i Filistei.


HOME