{ COLOR: #00bfff }

Studio d'Arte Liberty

Piazza Garibaldi n°12 Angera

per informazioni  +39-0331/930500

 e@mail

 

 

 

CARLO CONTE

Scomposizioni

dall'11 al 19 luglio  2015

 

Presentazione:

 SCOMPOSIZIONI
La “poesia cubista”
nella pittura di Carlo Conte

Conte mette a frutto le incursioni negli stilemi compositivi delle avanguardie d’inizio secolo: è un percorso che culmina nelle composizioni con figure dal sapore cubisteggiante in cui Conte utilizza il vocabolario delle avanguardie (da Guernica di Picasso, a Marsigliese contadina di Guttuso), ma per svolgere finalmente il proprio linguaggio, per dipanare il racconto della sua pittura originale.

C’è in queste opere tutta la responsabilità che Conte affida al dipingere: chiede al gesto, ai colori, alla contorsione delle figure, al concatenarsi dei gesti dei personaggi di indicargli il senso più recondito che ogni cosa o persona custodisce.

È una sorta di personalissima meditazione che si esalta nei delicati contrasti chiaroscurali, nella graffiante deformazione anatomica delle figure, nell’assenza di prospettiva ambientale, che affoga negli indistinti grigi-verdi del fondo nei quali scandisce l’animata e riconoscibile presenza umana.

Una presenza che appare metafora della nostra esistenza tanto da non permettere facili conclusioni o giudizi certi, così come capita quando l’inspiegabile ci si para davanti e ci costringe per lo più ad una turbata ammirazione, facendoci subire quel fascino che confonde la ragione e trasforma ogni domanda od indagine in balbettio e mistero.                             

Carlo Adelio Galimberti

 

Note biografiche

Carlo Conte (1922-2008) nasce a Torre Annunziata, dove trascorre la sua infanzia.  Vive a Modena, Gaeta e poi a Milano, a seguito del padre militare di carriera.

In quest’ultima città frequenta l’ambiente di Brera e respira l’atmosfera di quella che, fin dalla prima giovinezza è stata la passione della sua vita.

Anche l’impiego in un importante Istituto Bancario non lo distoglie dalla pittura, cui dedica tutto il suo tempo libero.

Nel 1978 si trasferisce a Porto Valtravaglia, dove trascorre gli ultimi 30 anni della sua vita.

opere di Carlo Conte

 

Indice galleria

Calendario 2015

Home page